A molti investitori piace investire in strumenti che staccano dei dividendi, ma conviene davvero?

Per quanto sia piacevole vedersi depositare dei guadagni sul proprio conto a scadenze periodiche, i dividendi presentano delle inefficienze che nel lungo periodo limitano il rendimento dei tuoi investimenti.


Fiscalità

I dividendi sono tassati al 26% in Italia.

Questo significa che ogni volta che ti viene staccato un dividendo, un quarto del suo valore va in tasse e quindi non va ad incrementare il valore dei tuoi investimenti.

Aziende estere

Se l’azienda in cui hai investito è estera, i dividendi sono prima tassati nel Paese d’origine dell’azienda e poi, sulla parte rimanente, sono tassati dallo Stato italiano.

Ecco un esempio:

Tassazione dividendo azioni estere

Svizzera = 35% + 26% Italia = 51,9%

Francia = 30% + 26% Italia = 48,2%

Germania = 26,375% + 26% Italia = 45,52%

Spagna = 20% + 26% Italia = 40,8%

Olanda = 0% + 26% Italia = 26%

USA = 15% + 26% Italia = 37,1%

Inghilterra = 0% + 26% Italia = 26%


Ma allora che fare?

Una soluzione è l’interesse composto.

Interesse composto

Invece di ricevere i dividendi nel conto, potresti utilizzarli per reinvestire ed aumentare esponenzialmente il rendimento dei tuoi investimenti.

Vuoi maggiori informazioni sulla nostra società di consulenza finanziaria indipendente?

Qui per contattarci ed ottenere una preanalisi gratuita del tuo portafoglio.